CENTRALE DEL LATTE D’ITALIA S.p.A.: Fatturato consolidato al 29 febbraio 2020 in crescita a 31,8 mln di Euro (+3,4%).

Prosegue il piano industriale 2020-2022 che prevede ritorno all’utile nell’esercizio 2021, con obiettivo 5,5 mln di Euro, e fatturato a 187 mln di Euro nel 2022.

In relazione all’emergenza sanitaria determinatasi a seguito della diffusione nel nostro Paese del Coronavirus Covid-19, Centrale del Latte d’Italia – società quotata al segmento Star di Borsa Italiana e oggi terzo player italiano del mercato del latte fresco e a lunga durata – desidera condividere con il mercato un aggiornamento rispetto all’andamento del proprio business nei primi due mesi del 2020.

Al 29 febbraio 2020 il Gruppo ha registrato un fatturato consolidato a 31,8 mln di Euro, in crescita del 3,4%, (incremento di 1,1 mln di Euro rispetto all’analogo periodo del 2019) e un contestuale aumento della marginalità, risultato al quale ha contribuito l’attuazione del piano di riduzione costi previsto a piano oltre ad una diminuzione del prezzo della materia prima latte.

Il Gruppo, con posizioni di leadership in Piemonte, Liguria, Toscana e Veneto, ha raggiunto tali risultati potendo contare su una distribuzione capillare che garantisce un servizio chiave per la comunità, ancor più in un momento complesso come quello attuale, dove gli spostamenti sono limitati.

In questo quadro, oltre alla GDO, i negozi di prossimità sono una risorsa fondamentale per il gruppo Centrale del Latte d’Italia, che ha sempre mantenuto al centro della propria strategia il servizio verso queste realtà. La società è infatti attiva attraverso oltre 16.000 punti vendita sia della grande distribuzione che del commercio tradizionale.

Più in dettaglio, si segnala inoltre che l’incremento delle vendite è dettato anche dal ritorno alla spesa famigliare e al maggior consumo domestico derivante dalle limitazioni normative che stanno interessando la ristorazione organizzata e più in generale il consumo fuori casa.

Si ricorda che è in corso l’implementazione del piano industriale al 2022 approvato lo scorso 10 febbraio con risultati in linea con quanto definito ed approvato. Obiettivo del Gruppo è incrementare la redditività attraverso il consolidamento del mercato italiano e il presidio di nuovi canali distributivi, il lancio di nuovi prodotti innovativi e il rafforzamento dell’export anche verso nuovi mercati.

Per il 2022 il management stima una crescita dei ricavi a 187 mln di Euro (+1,3% CAGR), con EBITDA in crescita a 17,5 mln di Euro, EBITDA pari a 9,3% e un Utile netto a 5,5 mln di Euro.

Il prossimo 29 aprile si svolgerà l’Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti in convocazione unica alle ore 15 presso la sede della Società in Via Filadelfia, 220 Torino per, rispettivamente, l’approvazione del bilancio e il rinnovo del Consiglio di Amministrazione e l’aumento di capitale, con o senza diritto di opzione, fino ad un massimo di 30 mln di Euro in 5 anni.

Obiettivo dell’Aumento di Capitale è di rafforzare il patrimonio aziendale e proseguire nella prospettiva di crescita e investimento nel settore lattiero-caseario.

Il Gruppo Centrale del Latte d’Italia, con 4 stabilimenti produttivi e circa 400 dipendenti, produce e commercializza oltre 200 prodotti che vanno dal latte e suoi derivati agli yogurt e alle bevande vegetali che vengono distribuiti con i marchi TappoRosso, Mukki, Tigullio e Vicenza sui territori di riferimento attraverso oltre 16.000 punti vendita sia della grande distribuzione che del commercio tradizionale.

Contatti:
Barabino & Partners
Roberto Stasio
r.stasio@barabino.it
Tel.: 010/272.50.48
Cell.: 335.53.32.483
Alice Brambilla
a.brambilla@barabino.it
Tel. 02 72023535
Cell: 328.266.81.96

Scarica il comunicato